Fossacesia (Ch): la Storia del Trabocco Pesce Palombo

Foto aerea del Trabocco Pesce Palombo, tratta da www.traboccopescepalombo.it

(DAM) Fossacesia – Sul litorale della Provincia di Chieti ci sono i trabocchi, che sono semplicisticamente delle casette in legno dei pescatori per la pesca in mezzo al mare nate fra l’Ottocento e la prima parte del Novecento che, attualmente, rappresentano un simbolo dell’Abruzzo turistico.

Essi sono così caratteristici che danno il nome alla stessa costa che comunemente viene detta “Costa dei Trabocchi”.

Oggi, a tal proposito, racconteremo la storia del Trabocco Pesce Palombo, sito nel territorio di Fossacesia (Ch), in Contrada la Penna, località le “Fuggitelle”, costruito all’inizio del Novecento dal pescatore Orlando Verì e da suo figlio Ernesto e battezzato “Palombo” per un grande pesce palombo ritrovato nella rete una notte di fruttuosa pesca.

Ernesto Verì, ereditato il trabocco dal padre, lo mantenne in funzione fino al 1979, quando la notte di San Silvestro, una forte mareggiata fece crollare l’antica macchina da pesca.

Il Trabocco Pesce Palombo rimase inaggibile fino al 1999, quando la Regione Abruzzo, per la salvaguardia di quello che era considerato un patrimonio culturale, rilasciò l’autorizzazione per il recupero del trabocco.

Dei lavori si interessarono i figli di Ernesto Verì, Bruno e Franco e nel 2001 vennero ultimati e il trabocco potè tornare all’antico splendore .

Oggi, Bruno Verì, come tanti altri proprietari di trabocchi della zona, è riuscito a trasformare questa antica macchina da pesca in un ristorante.

Copyright Abruzzo Tourism

Precedente Montesilvano: intervista al musicista Fabio Crisante in arte "Lopez" Successivo 1° Maggio: prima tappa di Miss Motors Italia a Francavilla al Mare (Ch)