Popoli (Pe): Domenico Cubeda vince per la terza volta la Cronoscalata

(DAM) Popoli (Pe) – Ben 118 i piloti che hanno partecipato quest’anno alla Cronoscalata abruzzese, organizzata a Popoli dall’Asd “Svolte di Popoli” in collaborazione con l’Automobile Club Pescara, svoltasi dal 4 al 6 agosto 2017, pressoché unica manifestazione motoristica di livello nazionale che si svolge attualmente in Abruzzo, gara valida per il trofeo italiano di velocità montagna Nord e Sud, il Challenge Assominicar e il trofeo dedicato alle auto storiche.

Percorso della gara automobilistica un suggestivo e tecnico tracciato di 7530 metri che va dalla Contrada Canapine alle porte di Popoli (Pe) fino al bivio di San Benedetto in Perillis.

La manifestazione, secondo programma, si è svolta secondo questa scaletta: verifiche sportive e tecniche tenutesi nel pomeriggio di venerdì 4 agosto in Corso Gramsci; sabato c’è stata la ricognizione al via alle 9.30; domenica 6 agosto partenza della gara sempre alle 9.30.

La competizione è stata vinta dal pilota catanese Domenico Cubeda su Osella FA30 Zytek di Gruppo E2SS che ha vinto per la terza volta la gara abruzzese prova di TIVM Nord e Sud. Il pilota della Cubeda è al terzo successo a Popoli, primo all’esordio con la nuova macchina. Al secondo posto si è qualificato il trevigiano Denny Zardo, secondo su Lola B 99/50 Zytek che ha patito dei problemi sui tratti di gara peggiori, non risolti in tutto dai cambiamenti aerodinamici fatti sull’ala posteriore. Sulla terza piazza del podio, il trapanese Francesco Conticelli jr., in evidenza su Osella PA2000 Honda, dopo aver risolto dei problemi al cambio, seguito dal padre Vincenzo Conticelli Sr., quarto sulla Osella PA30 Zytek di classe 3000. La quinta piazza, invece, è andata al trentino Giancarlo Graziosi sulla Tatuus di Formula Master della scuderia MPM Asd.

Presenti all’evento anche quattro “Dee” di “Venere d’Italia Abruzzo” (Andrea Matei, Alexandara Concordia, Greta D’Amico e Kristiana Petrakieva) con una rappresentanza dello staff capeggiata da Francesco Catenacci, ospiti di Sandro Salerni dei Duchi di Castelluccio e del ristorante Magnoz.

La Redazione di Discovery Abruzzo Magazine

Precedente Alba Adriatica (Te): la Burrata secondo "La Pugliarella" Successivo L'Aquila: don Manuel Enrique Cepeda Pino riceve una lettera sulle sofferenze della popolazione venezuelana