Vasto (Ch): la pronipote del patriota garibaldino ragusano Luciano Nicastro vive in Abruzzo

Il patriota liberale garibaldino ragusano Luciano Nicastro (Immagine tratta dal sito ufficiale del Comune di Ragusa)

(DAM) Vasto (Ch) – Risiede in Provincia di Chieti a Vasto da tanti anni, ed è oggi la titolare di un Bed & Breakfast, sito in un’antica villetta d’inizio Novecento, a poche centinaia di metri dalla Costa dei Trabocchi vastese, una distinta signora di origini siciliane e precisamente di Ragusa, pronipote del famoso patriota garibaldino Luciano Nicastro.

La signora, ultima figlia di una famiglia numerosa, si chiama non a caso Anita Nicastro, nome di battesimo dato proprio in onore di “Anita”, moglie di Giuseppe Garibaldi. v

Ma, chi è Luciano Nicastro?

Luciano Nicastro (Ragusa 1815 – 1869) è stato il maggiore esponente del movimento liberale ragusano, artefice dei moti del 1848 e successivamente dell’insurrezione filo garibaldina, anti borbonica e pro Unità d’Italia del 1860 nella zona sud – orientale della Sicilia, mentre i “Mille” dell’ “Eroe dei Due Mondi” si trovavano nella parte occidentale.

Il 17 di maggio 1860, giorno dell’Ascensione, per ordine di Luciano Nicastro, a seguito della vittoria garibaldina di Calatafimi (Tp), venne issata a Ragusa dal ventenne Emanuele Rizza, una bandiera tricolore tra le mani della Madonna Immacolata, sita alla sommità della porta principale della Chiesa di San Giovanni Battista, a guardia della quale erano stati posti alcuni giovani armati.

La bandiera recava nella striscia bianca la scritta “Viva Vittorio Emanuele, Viva l’annessione e i Fratelli Italiani”. Era la parola d’ordine per dare il via alla sollevazione cittadina contro il governo di Francesco II.

La Redazione di Discovery Abruzzo Magazine

Copyright Abruzzo Tourism

Precedente Ripa Teatina (Ch): Claudia Taini, conduttrice Tv milanese che vive in Abruzzo Successivo Rocca San Giovanni (Ch): pillole di storia sui Trabocchi della famiglia Verì