La lavorazione del merletto a Tombolo, una delle più alte forme di artigianato tradizionale in Abruzzo

Lavorazione del Tombolo all’inizi del Novecento a Pescocostanzo (La Foto è custodita nel Museo)

(DAM) Abruzzo – Una delle più alte espressioni dell’artigianato tipico tradizionale abruzzese è la lavorazione del merletto a tombolo, la cui origine esatta resta ancora un rebus irrisolto, anche se molti la riconducono al flusso di maestranze lombarde e di altre parti del Settentrione d’Italia che c’è stata dopo il terremoto del 1466 che ha sconvolto l’Appenino Centrale.

Il merletto a tombolo è un pizzo fatto a mano, realizzato con filo di cotone o di lana molto sottile, col tombolo un cuscino solitamente di forma cilindrica.

La lavorazione avviene in questo modo: sul tombolo viene fissato il disegno su un foglio del merletto con degli spilli, poi con i fuselli, bastoncini che servono per la manifattura, si arrotola il filo per la lavorazione delle merlettaie. I fuselli lavorano in coppia e possono essere alcune per le lavorazioni più semplici, fino a centinaia per quelle più complesse con cui eseguire intrecci, nodi e legature.

La tradizione del merletto è ancora viva in alcuni centri dell’Abruzzo, che assicurano continuità a quest’arte a livello di oggetti di artigianato locale. In particolare a:

Pescocostanzo: dove c’è il Museo Comunale del Tombolo ed è stata aperta una Scuola Comunale del Merletto a Tombolo;

Scanno: uno dei più importanti centri della lavorazione del Merletto a Tombolo, dove l’orafo Francesco Rotolo ha brevettato il “Sistema di Ancoraggio Forato Metallico per Lavori Tessili”. Il “Sistema di Ancoraggio” è realizzato con tutti i metalli, sia nobili che meno nobili, e si sviluppa lungo il perimetro della realizzazione tessile.

Canzano: qui c’è una mostra – mercato ogni anno dal 10 al 17 agosto.

L’Aquila: La sua caratteristica è che viene prodotto tutto insieme, “tutto d’un pezzo” nel gergo tecnico, attraverso una lavorazione fatta con filato di lino e seta molto sottile, lavorati con tre diversi tipi di punti: il punto nuovo “torchon”, il punto antico “aquilano”, il punto intaglio “aquilano”.

Noi nella nostra ricerca ci occuperemo nel dettaglio della lavorazione del Tombolo nel XXI secolo a Pescocostanzo e a Scanno.

Precedente Teramo: sabato 15 dicembre linguaggio corporeo e intimità", seminario di Psico-sessuologia presso Psiké Successivo "Un incantesimo di acqua e luce": all'Aurum la mostra di Roberta Papponetti

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.