Chieti : sabato 12 maggio, la storia della Vallata del Pescara e dell’Abruzzo (1967 – 2017), raccontata da Madrigale, col ricordo delle vittime di Rigopiano

(DAM) Chieti – Sabato 12 maggio dalle ore 9.00 alle 12.00, si terrà presso “Palazzo Lepri” in Piazza Trento e Trieste (la Trinità) a Chieti, il convegno – reportage storico – politico contemporaneo “Il Cammino dei Cittadini Attivi per il Bene Comune, per l’applicazione della Costituzione e per la Sussidiarietà Orizzontale (art. 118 uc. Cost.), 1967 – 2017”.

L’iniziativa, una sorta di ponte tra il passato e il futuro, nella consapevolezza che chi ignora la propria storia, non può avere un domani, è un tentativo a cura del Dott. Manlio Madrigale, (già assessore ed esponente del Consiglio Comunale di Chieti, e personaggio attivo dell’associazionismo abruzzese, fra i primi promotori del principio costituzionale della Sussidiarietà Orizzontale in Abruzzo, suo vero e proprio cavallo di battaglia), di raccontare uno squarciato di storia della Città di Chieti, della Vallata del Pescara e dell’Abruzzo, attraverso la propria esistenza fatta di tante cose quotidiane, passando per le vicende della comunità locale in cui è integrato, fino ad arrivare ai fatti storici della società in cui si vive.

Partendo dal Villaggio operaio della “Celdit” di Chieti Scalo, dove Manlio Madrigale nacque nel 1949, in piena ricostruzione post Seconda Guera Mondiale e dove fondò con altre persone animate dallo stesso fervido spirito politico e socio – culturale il “Gruppo Vivo del Villaggio Celdit”, il reportage, organizzato in XIV sezioni, tratterà l’insieme delle attività amministrative, socio – sanitarie, culturali, educative, religiose, economiche e politiche della Vallata del Pescara, della Città di Chieti e dell’Abruzzo, visti dagli occhi di Madrigale che durante la sua vita ha avuto l’onore di collaborare con numerose importanti personalità che hanno contribuito a scrivere la storia della nostra comunità e non solo, tra cui, Nicola Buracchio (il Sindaco democristiano che ha aperto Chieti al futuro 1960 – 1967), Pietro D’Aurelio (Assessore del Comune di Chieti nella Prima Repubblica), l’On. Dc Natalino Di Giannantoniol’On. Dc Romeo RicciutiLuigi Capozucco (Sindaco di Chieti e Carichieti), Veniero Di Petta (Sindaco di Chieti 1986 – 1987) e Andrea Buracchio ( Sindaco di Chieti 1987 – 1993), Nicola Melideo (A.D. Ancitel), Ario Rupeni (Segretario Generale Cispel), Giulio Dolci (Presidente Mondiale delle Città Unite), Gianfranco Martini e Fabio Pellegrini (Segretari Generali AICCRE), Umberto Scapagnini (Scienziato e Farmacologo), Mauro Mellini (Associazione per la Giustizia e il Diritto “Enzo Tortora), il Prefetto Antonio Giuncato (Direttore della Finanza Centrale del Ministero dell’Interno), Lello Mercuri(della Ragioneria Generale dello Stato) e tanti altri.

I partecipanti, potranno avere anche una copia della documentazione storica del reportage, raccolta in una pubblicazione cartacea.

All’inizio dell’evento, verranno ricordati il teatino Dino Di Michelangelo e le altre vittime di Rigopiano.

Inoltre, si potrà firmare una petizione popolare per il recupero dell’ex ospedale sanatoriale “San Camillo De Lellis” di Chieti.

Tra le altre, ci saranno le testimonianze storiche di Paolo Ciammaichella, di Walter De Cesare, di Mimmo D’Alessio, di Mario D’Alessandro, di Giulio Ottaviano, Domenico De Simone, Marisa Tiberio, Vittorio Supino,

L’evento è patrocinato dal Centro Studi “Domenico Spezioli”, dal Comitato Italiano delle “Città Unite – Giorgio La Pira”, dal Sindacato Famiglie Italiane Diverse Abilità, dall’Associazione Difesa Ammalati Psichici, da “Religions for Peace”, dalle Fattorie Sociali.

Comunicato Stampa

Precedente "Depressione un male oscuro ma curabile" a cura della Dott.ssa Carmela Di Blasio Successivo Teramo: Fabio Concato e Paolo Di Sabatino al Teatro Comunale

Lascia un commento

*