Chieti: la manicure per l’abito da sposa

Alessia Palanza

(DAM) Chieti – La mattina di martedì 6 febbraio 2018, siamo stati ospiti dell’atelier “Edis Spose” di Chieti Scalo, dove si è tenuta una realizzazione pratica con set fotografico per il trucco e la manicure personalizzata in base agli abiti da sposa, il tutto abbinato ad un trucco naturale ed elegante.

L’iniziativa è stata realizzata con la nostra collaborazione  per quanto concerne la manicure. A tal proposito, ecco quali sono le varie fasi dei trattamenti che abbiamo realizzato:

La manicure Californiana

La manicure Californiana è un particolare tipo di trattamento per la salute delle mani che permette di ottenere alla fine unghie lucida e nutrite anche senza smalto, utilizzabile sia per uomini che per donne.
Ciò avviene tramite un processo di idratazione sulle cuticole, sull’unghia e sulla pelle al fine di avere una cute morbida e nutrita e riattivare la circolazione delle dita delle mani. Alla fine del trattamento avrete delle unghie naturalmente lucide, senza smalto e mani morbidissime.

Alessia Palanza

Strumenti per realizzare il trattamento:

Per realizzare il trattamento, si usa una lima per dare la forma, opacizzare e lucidare, o in alternativa una 4 fasi o una 6 fasi, applicando oli o creme idratanti sulla cute con massaggi circolari. Inoltre, sarà necessario utilizzare un bastoncino di marmo per eliminare le cuticole. Si possono altresì utilizzare dei guanti emolienti.

Fasi di realizzazione del trattamento:

1) Idratate e spingete indietro le cuticole, usando un bastoncino in legno di arancio
2) Applicate una crema idratante sulla mano, vitaminica a base di oli naturali vegentali (ne esistono alcune specifiche per la manicure californiana che si scaldano per un effetto più efficace), massaggiandola soprattutto intorno alle unghie.
3) Massaggiate circolarmente con calma per permettere il rilassamento, magari aiutandosi anche con musica nel sottofondo e con diffusori di oli essenziali o incenso.
4) Una volta idratata la zona, si possono eliminare le cuticole in eccesso col bastoncino di marmo.
5) Pulite l’unghia da residui di crema.
6) Date la forma all’unghia tramite la limatura.
7) Opacizzate e lucidate le unghie

Ricostruzione Unghie in Acrilico

Alessia Palanza

La ricostruzione unghie in acrilico è una delle tecniche più consolidate nel tempo per la manicure, per creare delle unghie sane sia con che senza l’allungamento. Si possono ammirare foto di dive di Hollywood degli anni Quaranta o Cinquanta del Novecento che già all’epoca sfoggiavano delle unghie curate tramite la ricostruzione in acrilico.
La tecnica si realizza tramite l’utilizzo di una polvere e di una soluzione liquida che reagendo tra loro creano una sotanza molle e malleabile, per realizzare un’unghia ricostruita.
Ogni quindici giorni, l’acrilico va rimosso in acetone o rinnovato, al fine di evitare che l’unghia si danneggi o si infetti.
La tecnica si usa soprattutto in casi di unghie molto usurate che possono essere ricostruite con questo sistema e se ben curate, possono ricrescere nuovamente sane.

Strumenti per questo trattamento:

Un primer unghie, cioè un prodotto da utilizzare per preparare la superficie delle unghie all’applicazione del gel o di acrilici, in base al tipo di manicure da eseguire.
Inoltre, si utilizza una lima a grana grossa da ricostruzione, un liquido per acrilico (monomero) e una polvere per acrilico (polimero).

Fasi di realizzazione del trattamento:

1) Disinfettate le mani con un cleaner specifico.
2) Sgrassate accuratamente la superficie ungueale con una lima buffer o a grana grossa per la ricostruzione.
3) Applicate il primer unghie.
4) Allungate le unghie con tip o delle cartine.
5) Create una pallina modellabile tramite l’immersione del pennello prima nel liquido monomero e poi nella polvere (il giusto rapporto è di 2:1, polvere:liquido).
6) Se si sceglie l’allungamento con cartine, la sostanza ottenuta va modellata sulla cartina.
7) Si ultima il modellamento delle forme delle unghie prima con una lima a grana grossa e poi con un’altra a grana fine.
8) Si sigilla e si fa asciugare all’aria.

Infine, si fa un french superficiale con decorazione con rosa in acrilico e swarovski

 

Servizio realizzato con la consulenza di Alessia Palanza, titolare della “Spa Dalé”, estetica, massoterapia e benessere di Chieti Scalo.

Precedente Pescara, parte il corso per i professionisti del trucco della scuola Sem Successivo Il fisioterapista Fabio Tumini sul trattamento fisioterapico delle cicatrici