Studioarmonia Marinacci apre le porte all’AdolescenDay 2019.

(DAM) Abruzzo – Come in passato, anche quest’anno il dott. Aldo Marinacci, Psicologo – Sessuologo, aderisce alla giornata degli adolescenti che si terrà il 18 maggio 2019, in tutta Italia.

Lo Studioarmonia dedicherà uno spazio di ascolto telefonico, per gli aspetti inerenti l’affettività e la sessualità degli adolescenti (previa autorizzazione dei genitori da inviare via e-mail a info@studioarmoniamarinacci.it)
Il servizio completamente gratuito sarà attivo dalle 15:00 alle 18:00 chiamando il numero 393/4523697.

AdolescenDay è il giorno degli adolescenti: anche quest’anno  saranno i ragazzi a prendere il testimone della sfida adolescenziale per comunicare le loro richieste, i loro problemi, le loro incertezze. Ma anche i loro sogni, la loro allegria, il loro entusiasmo.

Agli adulti il compito di guardarli con attenzione e capire: mai sottovalutare i silenzi, guardare sempre dietro il loro sguardo, non dare niente per scontato e credere in  loro,  accogliere ogni loro  istanza, sostenendoli, fortificandoli;  prevenire, con ogni possibile risorsa, gli orribili fatti di cronaca che rimbalzano sui media.
A chi gli adolescenti parlano dei loro problemi? A chi confidano le ansie? Con chi condividono le paure? Come possono difendersi? Dove possono esprimersi senza paura di deludere o di essere giudicati?

Lo Studioarmonia è presente sia in Toscana che in Abruzzo. Per conoscere la città più vicina a Voi visitare il sito principale: www.studioarmoniamarinacci.it
Dalla Home del sito è disponibile accedere anche alla consulenza online comodamente da casa.

Tratto da
https://studioarmoniamarinacci.it/news/281-studioarmonia-marinacci-apre-le-porte-all-adolescenday-2019.html

Dott. Aldo Marinacci

Psicologo Clinico,

Consulente Sessuale, Sessuologo Clinico iscritto alla Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica 

Membro affiliato dell’ESSM, Società Europea di Medicina Sessuale.

Precedente Il Santuario di Ercole "Curino" celebra la concessione della cittadinanza romana agli Italici dopo la "Guerra Sociale"? Successivo Il sito archeologico di Ocriticum in Abruzzo dimostrerebbe la romanizzazione dei culti italici dopo la "Guerra Sociale"