Poesia: “Lu Truabbacche” (Il Trabocco) di Fernando D’Annunzio

Fernando D’Annunzio poeta vastese fotografato vicino le antenne di un trabocco

(DAM) Vasto – Lo staff di Abruzzo Tourism è stato recenemente a fare visita al Trabocco “Cungarelle” di Vasto, sito nella splendida riserva naturale di Punta Aderci.

A tal proposito, ci hanno fatto conoscere la poesia dialettale del poeta vastese Fernando D’Annunzio che ne ha scritta una dedicata al Trabocco, intitolata “Lu Truabbacche” che riportiamo qui di seguito sia in dialetto che con la traduzione italiana sotto:

LU TRUABBACCHE

Cand’é ccurìòs’ e bbèlle lu truabbàcche!

Tra mar’ e ccéle pare sta suspuàse.

 

‘N’opera d’arte di tréve ‘ndricciéte

turt’ e ddirètte, e di ferrifiléte.

Tréve che da la tèrre va’ ‘lu muare,

tréve che da lu muare va’ ‘lu cìéle,

tréve che ss’arìmmèìre ‘mmèzz’ all’acche

a ndo’ la ràìte sta’ spìtta’ lu puasce.

E ‘ngèime sta’ spìtta’ lu trabbuccande

nghì la voliche, prond’ a ssalipa’.

 

…M’aricorde cand’ére scacchjinotte,

jav’ a lì scùje annuit a lì ‘micèzìe;

‘i tuffuavame da ‘n gim’ a lì ndànne.

cì arìpènze… e mi vé’ lì trimìlèzìe.

Fernando D’Annunzio

Traduzione in Italiano: Caratteristico e bello è il trabocco! Tra mare e cielo pare sospeso. Un’opera d’arte di travi intrecciate, storte e diritte, e di fili di ferro. Travi che da terra si protendono in mare, travi che dal mare si innalzano verso il cielo, travi che si specchiano nell’acqua, dove la rete attende il pesce. E sopra, anche il traboccante aspetta con il guadino pronto a salpare. …Ricordo, quando ero giovinciello, andavo al mare in scogliera con gli amici, ci tuffavamo dalla cima delle antenne! Ci ripenso… e sento brividi di paura.

La Redazione di Discovery Abruzzo Magazine

Precedente Rocca San Giovanni (Ch): pillole di storia sui Trabocchi della famiglia Verì Successivo Vasto, seconda gara interregionale di biliardo: i nomi dei vincitori.