Grande successo per i “Percorsi del Gusto” a Villa Santa Lucia degli Abruzzi

 

(DAM) Villa Santa Lucia degli Abruzzi (Aq) – Nell’ambito del programma “Esploratori del Gusto”, si è conclusa a Villa Santa Lucia degli Abruzzi (Aq) l’evento “Percorsi del Gusto”, organizzato dal Parco Nazionale del Gran Sasso e  Monti della Laga con la collaborazione dell’amministrazione comunale. All’iniziativa ha preso parte una delegazione di Abruzzo Tourism che ha documentato sui social l’attività svolta. Una iniziativa gratuita per i partecipanti fino al riempimento dei posti disponibili,  svoltasi nel weekend del 7-8 settembre. L’evento è stato incentrato sulla scoperta delle bellezze naturalistiche e delle specialità enogastronomiche di questa parte meridionale del Parco, con l’ausilio dalla guida ambientale escursionistica Davide Sangiacomo e della guida del gusto Francesca Ardizzola.L’iniziativa è partita nel pomeriggio di sabato 7 settembre 2019 con una escursione in un percorso ad anello nell’area del Monte Cappucciata (1801 m Slm) ricca di biodiversità,  dalla Chiesa di Santa Maria delle Vicenne in località Carrufo, fino alle capanne in pietra a “Tholos” utilizzate  in passato dai pastori della Transumanza, e oggi  dimora, secondo storie del posto di fate e folletti.  La sera di sabato gli ospiti si sono recati per la cena presso l’azienda Berlingieri Tartufi, dove hanno potuto gustare piatti a base di tartufi, preparati dalle sapienti mani di Fabio Ginestrino, chef del Ristorante “Le Ginestre” di Civitaquana (Pe), per poi passare la notte alloggiati in due B&B della zona “Storie d’Abruzzo” e “Bacca Blu” nella frazione di Carrufo. La mattina di domenica 8 settembre i “Percorsi del Gusto” sono continuati con la visita presso l’azienda agricola “il Convolvolo” di Francesca D’Anastasio, per poi fare, ad ora di pranzo, un ideale itinerario enogastronomico fra i prodotti tipici del parco.
Come ribadito anche dal Vice Sindaco Stefano Mucciante che ha accompagnato i visitatori nei “Percorsi”, è stata una importante occasione per Villa Santa Lucia degli Abruzzi  e Carrufo per mettere in mostra e far conoscere la storia, le bellezze naturali e le bontà del territorio, in vista di una riqualificazione turistica che possa ridare slancio all’economia di una realtà che dopo la crisi della Transumanza nella seconda parte dell’Ottocento e la conseguente emigrazione di inizio Novecento,  si è sempre più spopolata.

Precedente La Saliva e i suoi disturbi. Ce ne parla l'odontoiatra Anthony Carlino Successivo Lettomanoppello: domani sera si inaugura "Art Connect"