Eccessivo chiudere completamente il porto di Giulianova per il comizio di Salvini

“Nel pomeriggio di giovedì 9 maggio siamo stati per l’Associazione Abruzzo Tourism a fare le foto lungo le tappe di un percorso esperenziale enogastronomico che dal Gran Sasso arriva fino al porto di Giulianova che sarà presente nella nostra guida “Eremi, Castelli, Santuari & Sapori d’Abruzzo” che a breve sarà pubblicata. Ma, giunti sul posto le forze dell’ordine non ci hanno fatto entrare a piedi nel porto turistico e peschereccio giuliese e con grande amarezza e delusione abbiamo dovuto fare marcia indietro senza fare le foto al paesaggio. A tal proposito, riteniamo questa decisione eccessivamente rigida, considerando che almeno una delle due entrate del porto, quella lontana dal palco del comizio di Salvini, poteva essere lasciata libera non solo per i passeggiatori, ma anche per chi ha una barca ormeggiata” Cristiano Vignali (Presidente Abruzzo Tourism).

Precedente Il sito archeologico di Ocriticum in Abruzzo dimostrerebbe la romanizzazione dei culti italici dopo la "Guerra Sociale" Successivo Chieti: dopo il successo degli eventi storici dell'11 maggio realizzare in città un cartellone di manifestazioni come già avviene per il Mastrogiurato di Lanciano