A Teramo arriva la Settimana del Cervello 2019

(DAM) Teramo – Da oggi fino al 17 marzo si tiene la IV edizione italiana della “Settimana del Cervello”.
Lanciata della Dana Alliance for Brain Initiatives, la Settimana del Cervello porta ogni anno ricercatori e professionisti della salute a promuovere campagne di sensibilizzazione e divulgazione sul funzionamento e la salute del cervello, con un approccio creativo e accessibile alle persone di ogni età; lo spirito che muove le iniziative è quello di aiutare le persone a compiere scelte consapevoli in merito alla propria salute, di esplorare le applicazioni della ricerca e di offrire risorse e spunti per restare informati.
Promossi da ricercatori, medici e neuropsicologi, gli eventi della Settimana del Cervello consistono in neuro-caffè, workshop, contest, seminari, open-labs, sperimentazioni dal vivo ed esperienze interattive, tutti finalizzati a esplorare il funzionamento del cervello, le frontiere della ricerca, le ultime novità in ambito neuro-riabilitativo e le nuove possibilità di cura.
Gli eventi sono dedicati a tutte le persone curiose di conoscere di più sul cervello, agli studenti, ai professionisti e ai profani, a chi fa ricerca o semplicemente vive quotidianamente con la malattia o assiste un malato.
Noi del Centro Clinico Caleidos abbiamo il piacere di partecipare a questa manifestazione per il secondo anno consecutivo con una serie di eventi gratuiti ed aperti a tutti.
Dall’11 al 16 MARZO sarà possibile effettuare su prenotazione presso il nostro Centro uno Screening gratutito della memoria e della funzioni cognitive.
Con l’avanzare dell’età le normali funzioni cognitive subiscono un rallentamento. In alcuni casi ciò è sintomo di un iniziale deterioramento che è alla base di patologie degenerative come le demenze. La memoria è una delle funzioni la cui compromissione interferisce con lo svolgimento delle normali attività quotidiane e ciò rappresenta, a volte, un ostacolo insormontabile. L’obiettivo è quello di valutare le abilità cognitive come la memoria, il linguaggio e l’orientamento visuo-spaziale e capire se, le eventuali difficoltà riscontrate, rappresentano il normale invecchiamento cognitivo o sono indice di un iniziale o conclamato deterioramento. Lo screening non rappresenta la diagnosi di patologie degenerative ma permette di avere un quadro conoscitivo sul funzionamento cognitivo della persona ed un punto di partenza per un approfondimento diagnostico. La prevenzione è uno strumento importante perché ci permette di intervenire sulle patologie degenerative appena comparse o non ancora diagnosticate e di attuare interventi per possano rallentare l’invecchiamento del cervello.Lunedì 11 MARZO dalle ore 9,30 alle 12,00 sarà possibile partecipare ad una lezione di prova di Yoga Accessibile grazie all’insegnante Michela Ardente.
La pratica di yoga accessibile è inclusiva e viene adattata alle esigenze di coloro che presentano limitazioni di mobilità o particolari stati di salute. Alcuni dei principali benefici della pratica yoga sono il rafforzamento del sistema scheletrico-muscolare, una maggiore mobilità alle articolazioni, riduzione di ansia, stress e depressione ed è stato indicato come uno dei fattori protettivi per la demenza.

Martedì 12 MARZO dalle ore 15,30 alle 18,30 si terrà il whorkshop L’impatto sociale dell’Afasia.
La Dr.ssa Mara Monasterio, logopedista e presidente dell’associazione A.IT.A. Abruzzo-onlus, illustrerà le principali difficoltà comunicative che una persona affetta da afasia si trova ad affrontare e le ricadute che tale condizione ha anche nei rapporti con i propri familiari. Al termine della presentazione ci sarà la possibilità per chi lo desiderasse, di partecipare ad un incontro di gruppo insieme ai soci dell’associazione (persone afasiche e familiari) per vivere concretamente il lavoro di relazione, comunicazione e mutuo aiuto che condividono con la guida delle logopediste che collaborano a titolo completamente gratuito, con l’associazione.
Venerdì 15 MARZO dalle ore 9,30 alle 11,30 ospiteremo la Dott.ssa Aurora Merciaro, psicologa e musico-terapeuta, con il workshop Stimolazione musicale e musicoterapia: quali differenze nella demenza?
Si proporrà un incontro informativo sugli aspetti che distinguono la stimolazione musicale e il trattamento musicoterapeutico nella demenza proponendo in concomitanza un laboratorio attivo di musicoterapia per i pazienti con demenza e con morbo di Alzheimer presenti nel centro con le proprie famiglie.
Sabato 16 MARZO dalle ore 9 presso la Sala Ipogea di Teramo ci sarà il convegno Condividere per vivere meglio. Il supporto delle Associazioni ai malati e ai propri familiari, organizzato insieme a tante delle Associazioni che si occupano di malattie neurodegenerative sul territorio abruzzese, Associazioni Italiana Afasici (A.IT.A. Abruzzo Onlus), Associazione Caleidoscopio (Alzheimer), Associazione Italiana Sclerosi Multipla (A.I.S.M. Abruzzo), Azione Parkinson Onlus, Associazione Italiana SLA (A.I.SLA).
Scoprire di essere “malato” e soprattutto colpito da una malattia irreversibile o addirittura progressiva, è sicuramente una condizione terribile che stravolge non solo la vita della persona colpita ma anche quella dei familiari, degli amici e dei conoscenti. Dopo un primo, inevitabile momento di smarrimento è, però, necessario che la persona e la comunità in cui è inserito, riorganizzino la propria vita per cercare di recuperare al massimo una normalità che sarà sicuramente diversa da quella di prima ma che deve comunque garantire una soddisfacente qualità di vita. All’interno di questa riorganizzazione, acquistano importanza le Associazioni che diventano un punto di riferimento oltre che di incontro per le persone e i loro cari; coilndividere con altri la propria condizione fa sentire meno soli e più forti nell’affrontare le difficolt

Per informazioni prenotazioni:
Telefono: 3886492951
Mail: centroclinicocaleidos@gmail.com
Web: www.settimanadelcervello.it

Precedente San Salvo: domenica 17 la semifinale del VI trofeo Csen interregionale di Karate Successivo I disturbi del desiderio sessuale a cura del sessuologo Aldo Marinacci