Lettomanoppello: sabato ritorna LECTROCK

Lettomanoppello – Nella città della pietra, Lettomanoppello Sabato 31 Agosto torna Lectrock. Anche quest’anno si rinnova l’appuntamento con il viaggio nell’età della pietra: personaggi preistorici di fantasia  ci accompagneranno per tutta la serata per affascinare e stupire grandi e piccini.

Dalle 19:00 fino a sera inoltrata, tanti gli spettacoli musicali che si susseguiranno: da musica rock con i back to the system alla musica italiana e a seguire 2 dj set, uno solo vinile con Paolo Delgado e l’altro commerciale con Andrea D’Alimonte. Inoltre, durante l’evento ci sarà una sorpresa per tutti i più piccoli.
Evento per bambini e famiglie, ma anche per i giovani, dove i visitatori verranno trasportati nel suggestivo centro storico di Lettomanoppello tra pietre, personaggi preistorici, stand gastronomici e molto divertimento.

La manifestazione giunta alla Seconda edizione, nasce dalla tradizione ancestrale della lavorazione della pietra dei maestri scalpellini Lettesi, imprezziosita con un tocco di simpatia e originalità, attraverso un tuffo nel mondo dei Flintstones, a partire dal nome dell’evento che fa riferimento alla città in cui sono ambientate le puntate del cartoon: Bedrock.

L’evento è patrocinato dal Comune di Lettomanoppello e organizzato con la collaborazione dell’Assessorato al Turismo, dello staff di “La Notte Magica”, di “Letto a… Teatro”, di “Top Master” e della Pro Loco Tholos.

“Lectrock è per noi – spiega Arianna Barbetta, assessore comunale al turismo – un momento di allegria ma anche di cultura, dedicato alle famiglie e al nostro meraviglioso paese, per portare in alto con un po’ di simpatia le nostre tradizioni”.
“Un evento realizzato con la collaborazione delle associazioni cittadine perché la nostra amministrazione si dimostra ancora una volta sensibile alle esigenze delle tante realtà lettesi” ha aggiunto il Sindaco di Lettomanoppello Simone D’Alfonso.

Comunicato Stampa

Precedente Lama Bianca: viaggio nel mondo magico di Maia Successivo Il Training autogeno a cura del dott. Aldo Marinacci