Tra falsa amicizia e solitudine chi vincerà?

 

La Dott,ssa Mariarosaria Dell’Elce – Psicologa e Psicoterapeuta

(DAM) Francavilla al Mare (Ch) – Tanti amici sui social e in realtà siamo sempre più soli. Oggi il valore dell’Amicizia è sempre più diverso da quello del passato. Non esiste più “il mio migliore amico”ora ci sono tanti amici di convenienza. Sui nostri profili social infiniti numeri di amici,poi quando pc è smartphone si spengono inizia la solitudine che ci spaventa.
Si cercano sempre più amici che ci fanno evadere amici con cui fare selfie e avere il maggior numero di like.  Amici con cui passare più tempo possibile per non rimanere soli.
Sono finiti i tempi in cui l’amico ti chiama è ti chiede “come stai?”
“Ti voglio bene”
Ora i rapporti di amicizia si fondano su forme di competizione assolute, gelosie,invidie e doppi fini. Non si riconosce più la ricchezza di avere una persona accanto capace di ascoltare le nostre preoccupazione.
L’ultima cosa di cui si ha bisogno nella vita è di avere accanto persone che  ci facciano sentire sempre in colpa semplicementeperché abbiamo una nostra vita personale quindi non ci sono più amici che sono felici per noi,che ci fanno un complimento.
Ma quindi è meglio la solitudine o una compagnia di facciata?.
Sicuramente sarebbe meglio rielaborare il concetto di solitudine che molto spesso si colora di aggettivi negativi. Dobbiamo iniziare a focalizzar ci invece su aspetti positivi ed educativi della solitudine.
In realtà la solitudine non è nient’altro che la compagnia con se stessi con i propri pensieri In fin dei conti l’essere umano nasce e muore in solitudine. È importante educare è far conoscere ai bambini già in tenera età  L’esperienza della solitudine affinché non diano connotato negativo.
Non conoscere la solitudine porterà a correre dietro a inutili compagnie che ci faranno vivere il lato negativo della solitudine “il sentirsi soli”.

Per maggiori informazioni: https://www.facebook.com/Psicologa-DellElce-Maria-Rosaria-166607233811697/

Mariarosaria Dell’Elce – Psicologa  e Psicoterapeuta 

Precedente Come aiutare i bambini ad affrontare la morte di persone care? Successivo La teatina Camilla Ricciuti si aggiudica la corona di “Venere d'Italia Abruzzo 2018”. Seconda classificata la pescarese Federica Iezzi

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.