“San Martino” a Chieti Scalo presso il Piccolo Chiosco di San Martino

Fervono i preparativi del San Martino presso il Piccolo Chiosco di Chieti Scalo

(DAM) Chieti – Il periodo autunnale che va dall’8 all’11 novembre viene chiamato “Estate di San Martino” perché per motivi non ben precisati si verificano solitamente delle condizioni climatiche relativamente miti per la stagione, in cui si festeggia l’apertura delle nuove botti con l’assaggio del vino novello, abbinato alle castagne.

E’ una festività che viene mutuata dalla tradizione pagana, in quanto coincide con le festività del Capodanno dei Celti, il cosiddetto “Samuin”. Non a caso San Martino Vescovo di Tours in Francia veniva nel Medioevo venerato soprattutto nella Francia e nell’Italia del Nord, zone di influenza etnica celtica.

La festività di San Martino viene celebrata anche da una famosa poesia di Giosuè Carducci.

Il giorno proprio ufficiale della festa di San Martino è l’11 novembre, giorno in cui venne sepolta la salma del santo nel cimitero di Tours in Francia, periodo che tradizionalmente rappresentava anche l’inizio di una nuovo anno nelle società arcaiche, infatti proprio in questi 3-4 giorni venivano rinnovati i contratti annuali. Non a caso dire “fare San Martino”, vuol dire “traslocare”.

San Martino viene considerato anche il Santo “patrono” dei mariti cornuti, perché in questi giorni si svolgevano le fiere degli animali con le corna e particolari riti per scongiurare il tradimento del partner vengono fatti in alcune realtà locali dell’Italia Centrale.

Il Capodanno Celtico, da cui deriva questa festività, si celebrava banchettando e bevendo a crepapelle, perciò ovunque sono diffusi degli eventi legati a San Martino, come ad esempio a Chieti Scalo, dove il Piccolo Chiosco, sito nel popoloso rione dedicato proprio a San Martino, celebra il San Martino la sera dell’11 novembre col seguente menù che ci ha dato la titolare:

spasetta di formaggi come antipasto, arrosto misto, con contorno di patate e insalata, il tutto accompagnato dall’immancabile vino novello e dalle tradizionali castagne. Per finire il caffé e l’amaro”.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: https://www.facebook.com/events/1748818928464332/

La Redazione di Discovery Abruzzo Magazine

Precedente Abruzzo Tourism: ci vuole una legge che tuteli l'autenticità dei borghi d'Abruzzo come per i Parchi Nazionali Successivo Manoppello (Pe): l'11 novembre un convegno sulla tutela e la valorizzazione delle case di terra cruda