Salute: La “Sindrome Crociata Inferiore e Superiore” a cura del Dott. Stefano Tatasciore

(DAM) Chieti – Per la rubrica “Abruzzo Salute”, ci scrive il Dott. Stefano Tatasciore, fisioterapista di Chieti, con studio in Via Ferri che ci parla de “La Sindrome Crociata Inferiore e Superiore”

Sindrome Crociata Inferiore e Superiore

“Una lesione all’interno del sistema muscoloscheletrico porta sempre con sè un disequilibrio muscolare parzialmente prevedibile. Questo disequilibrio può causare come risultato una serie di sindromi dipendendo dal distretto colpito e che possono modificare ,con il tempo, l’intera postura. Nel nostro caso il Dott. Vladimir Janda ha descritto: La sidrome crociata superiore e La sindrome crociata inferiore.

La sindrome crociata inferiore è una disfunzione del sistema muscoloscheletrico che produce alterazioni a livello posturale. In questa sindrome si produce un accorciamento del retto femorale, del muscolo ileopsoas, dei muscoli erettori spinali, il cuadrato lombare, gli adduttori ed il tensore della fascia lata. Ciò produce una inibizione della muscolatura glutea, addominale ed ischiocrurale.

Questo disequilibrio comporta che il bacino si incontri in una posizione di anteversione costante.

Sindrome Crociata Inferiore e Superiore

Ciò produrrà un incremento della lordosi lombare, una rotazione esterna del femore ed un iperestensione del ginocchio.

Questa modificazione posturale può produrre lesioni a livello lombare, sacroiliaco e femoropatellare a livello dell’articolazione del ginocchio.

Inoltre a livello muscolare può causare tensione a livello della muscolatura posteriore della coscia il che può favorire l’insorgenza di lesioni.

Con una precisa valutazione posturale si possono scoprire e eventuali squilibri ,muscolari pelvici causanti lombalgie, sciatalgie ma anche disturbi viscerali riflessi.

La sindrome crociata superiore, sempre descritta dal dott. Jamba, è un disequilibrio della regione cervico toracica. Questa sindrome è molto comune nelle persone sedentarie o in chi deve passare molte ore seduto.

Sindrome Crociata Inferiore e Superiore

In questo caso la muscolatura iperattiva è composta dalla porzione superiore del trapezio, l’elevatore della scapola, lo sternocleidomastoideo ed i pettorali mentre i muscoli suboccipitali si incontrano in una posizione di accorciamento. Dall’altro lato avremo la muscolatura “debole” composta dai flessori profondi del collo, i romboidi ed il dentato anteriore.

Il risultato porterà a delle spalle in anteriorità, un aumento della lordosi cervicale il che può provocare una compressione del plesso brachiale e produrre un intorpidimento delle dita della mano. Inoltre modifica la biomeccanica scapolare, può comportare lesioni alla cuffia dei rotatori (spalla) ed accentua un’ipercifosi dorsale che si ripercuote negativamente sulla meccanica respiratoria.

Sindrome Crociata Inferiore e Superiore

In concreto questo causera 4 malfunzionamenti posturali:

  1. Testa in avanti;
  2. Spalle elevate e protratte;
  3. Abduzione e rotazione delle scapole (scapole alate).
  4. Iperlordosi cervicale ed ipercifosi dorsale;

La biomeccanica e la postura sono imprescindibili da valutare davanti a qualsiasi tipo di lesione o dolore.

E’ molto importante accudire ad un fisioterapista per valutare e trattare questo tipo di squilibri molto frequenti nella popolazione attuale. Un precoce trattamento e mantenimento migliora la qualità della vita e ritarda l’insorgenza di patologie degenerative”

Dott. Stefano Tatasciore

Precedente Lettomanoppello (Pe): Venerdì 16 febbraio, presentazione dello sportello antiviolenza, stalking, mobbing e bullismo Successivo Sabato 17 febbraio, APS Majella e lo Speleo Club Chieti organizzano escursione alle miniere Piano dei Monaci - Cese Santa Liberata