Rocca di Cambio, il Comune più alto degli Appennini, nel fascinoso Parco del Sirente Velino

 

Rocca di Cambio il Comune più alto degli Appennini
Rocca di Cambio il Comune più alto degli Appennini

(DAM) – Altipiano delle Rocche – Rocca di Cambio è un affascinante borgo sito nel versante nord dell’Altopiano delle Rocche, all’interno del parco Velino Sirente, in provincia de L’Aquila. Da qui, il paese dista circa 25 km e si afferma con i suoi 1434 metri, il comune più alto dell’Appennino.

Si tratta di un borgo meraviglioso, con una certa storia, bellissime chiese, costumi, tradizioni e noto per l’indimenticabile bontà della sua cucina tipica. Durante l’inverno, Rocca di Cambio accoglie moltissimi turisti poiché ospita nel proprio territorio, la stazione sciistica di Campo Felice. Famose le chiese del borgo, con una storia antica alle spalle: Chiesa Madre di Santa Maria o dell’Annunziata, costruita in pietra bianca nel 1569 o la Collegiata di San Pietro o chiesa della Madonna, sita nel punto più elevato del paese.

Molto bella anche l’Abbazia di Santa Lucia, chiesa in stile romanico situata a 2 km da Rocca di Cambio, risalente al XII secolo. Tale chiesa è considerata monumento nazionale. Lungo le pareti dell’abbazia vengono custoditi affreschi del 1300. Per raggiungere Rocca di Cambio tramite autostrada bisogna prendere l’A24 Roma-L’Aquila, uscita Tornimparte. In seguito prendere direzione Campo Felice. Una volta raggiunti gli impianti proseguire per la galleria di Serralunga e dopo 4 km si arriva a Rocca di Cambio.

Per raggiungere Rocca di Cambio da Chieti/Pescara si può imboccare l’A25 Pescara-Torano uscita Bussi, dirigersi verso L’Aquila su SS17 e dopo aver superato il centro abitato di San Gregorio, nella zona industriale di Bazzano, prima dello stabilimento “Agriformula”, svoltare a sinistra per Monticchio. Proseguire quindi per Valle Cavalletto fino all’incrocio con la SS5 Bis, svoltare a sinistra per Avezzano e dopo 18 km si arriva a Rocca di Cambio.

Anna Di Donato

Copyright Abruzzo Tourism

Precedente Pizzo Deta, seconda cima più elevata dei Monti Ernici Successivo Intervista al Presidente dell'Ente Parco "Gran Sasso e Monti della Laga", Tommaso Navarra