Panoramica sul Coronavirus in Abruzzo

Dopo la Valfino e l’area Vestina anche Villa Caldari diventa zona rossa

Una manciata di giorni fa il Governatore Marsilio ha istituito la terza zona rossa in Abruzzo; si tratta di Villa Caldari, frazione di Ortona, dove è stata registrata un’impennata del numero di contagi.

Una decisione basata anche sulla relazione della Asl di Chieti che, dopo aver individuato una curva crescente di trasmissioni di Covid-19 in questa singola contrada, ha esortato a procedere con misure più efficaci di contenimento locale.

Massime restrizioni, quindi, con divieto di ingresso e di allontanamento dall’area in oggetto. Quest’ultima si aggiunge alle zone rosse dei Comuni di Penne, Civitella Casanova, Farindola, Picciano, Elice e Montebello di Bertona in provincia di Pescara e di Arsita, Bisenti, Montefino, Castilenti e Castiglione Messer Raimondo in provincia di Teramo.

Gli effetti del Coronavirus sull’economia locale

Si tratta di limitazioni necessarie per contenere la trasmissione del Coronavirus che, inevitabilmente, si ripercuotono sull’economia locale, generando uno scenario alquanto preoccupante. In queste difficili circostanze sono, infatti, coinvolti tutti i principali ambiti produttivi (che solo nell’ultimo periodo avevano mostrato una debole ripresa), in particolare il settore industriale nella zona Vestina e nella Valfino. Ad oggi risulta ancora difficile fare previsioni a lungo termine sugli effetti che questa pandemia produrrà sulla situazione economica abruzzese e nazionale poiché non è ancora nota la reale durata dell’emergenza, non quantificabile nemmeno dagli esperti.

Alcune aziende abruzzesi hanno riconvertito la propria produzione per realizzare mascherine chirurgiche e camici

Nella difficoltà, tuttavia, alcune aziende del territorio hanno deciso di riconvertire la propria produzione per rispondere alla crescente domanda di mascherine e camici per il personale medico e e sanitario. A Gissi il gruppo tessile veronese Calzedonia ha acquistato macchinari speciali per la creazione di una linea semi-automatica e le cucitrici sono state formate al nuovo tipo di elaborazione. La Fater, leader dei prodotti assorbenti per la persona e nel mercato europeo delle candeggine, ha iniziato a realizzare mascherine di tipo chirurgico.

La Regione Abruzzo ha approvato il progetto di legge sulle manovre urgenti per l’economia e l’occupazione

Nel frattempo il Consiglio Regionale d’Abruzzo ha approvato il progetto di legge sulle manovre urgenti per l’economia e l’occupazione. Queste importanti misure mirano a sostenere la ripartenza delle microimprese e dei lavoratori autonomi e ad adeguare le attività di impresa alle nuove esigenze del mercato. Ulteriori misure di sostegno per aziende e famiglie dei Comuni delle “zone rosse” verranno presentate nei prossimi giorni.

Maria D’Argento – Discovery Abruzzo Magazinie

Precedente "La dieta atta ad ostacolare l'nfezione da Coronavirus" del dott. Artabano Febo Successivo Madrigale: "Chieti eccellenza regionale per la lotta al Coronavirus"