Il musicista Klaus Peter Dihel gira le piazze delle città abruzzesi

(DAM) Chieti – Oggi il flautista tedesco Klaus Peter Dihel, il musicista che ha scelto la vita di strada è ricomparso in Abruzzo e in particolare a Chieti, dove si è esibito in alcuni brani del suo repertorio nella città del Pelide Achille.
La sua storia, è una grande lezione morale per molti che pensano che la ricchezza materiale sia l’unica felicità e l’unico scopo della vita: parla di un bancario, famoso musicista che ha realizzato diversi cd, suonando in numerosi concerti con orchestre sinfoniche e pop star, che, ad un certo punto,  decide di chiudere col passato, lasciare il suo lavoro e di venire in Italia,  suonando nelle piazze del Bel Paese, vivendo d’elemosina.
Il musicista di Colonia, per duecento giorni l’anno, lascia la sua città e la sua famiglia, trasformandosi in un artista di strada, spostandosi solo con un furgone e indossando un vecchio vestito elegante stile “Belle Epoque”.
E’ povero ma felice Klaus Peter che ha scelto di abbandonare i grandi palcoscenici pur di vivere sereno, libero dalla schiavitù dei beni materiali e dallo stress del carrierismo e della competitività a tutti i costi, tipico della società odierna.
Il musicista tedesco
Il musicista tedesco Klaus Peter Dihel si esibisce sotto i portici di Corso Marrucino a Chieti

 

Copyright Abruzzo Tourism
Precedente Dal disastro del Vajont, un monito su come gestire nelle emergenze le dighe dei laghi in Abruzzo Successivo «Nella polvere della terra», brano della cantautrice sulmonese Stephanie, riceve il Premio “Roma VideoClip”