Maiella: escursioni verso Lama Bianca

Maiella: Lama Bianca (Luciano Pellegirni)

(DAM) Maiella – Comune di S. Eufemia a Maiella PE e si raggiunge percorrendo la SS487 verso il Passo San Leonardo (1282m).

Dalla strada asfaltata (1140 m), individuato la segnaletica che indica la località, si parcheggia la vettura ed attraversando un impetuoso ruscello ci si incammina, calzando gli sci poco dopo. Incredibile quanta neve naturale è ancora presente, i cartelli stradali sono ancora sepolti. Monte Amaro (2795 m) ti sovrasta con le sue ripide rave. Il panorama è immenso e l’occhio si sfoga osservando il Morrone, le Montagne del Parco, il Gran Sasso, il Sirente, il Mare. Ben visibile è Roccacaramanico, frazione del comune di Sant’Eufemia a Maiella PE, che da “paese fantasma”, grazie a persone che hanno acquistato e recuperato abitazioni in rovina per utilizzarle come seconde case, si sta incoraggiando alla sua crescita.

Non mi stancherò mai di ricordare che in questa riserva ci sono sentieri naturalistici accessibili per i diversamente abili o meglio ai portatori di disabilità e soprattutto per i non vedenti, poiché il percorso ha indicazioni in “braille” e prevede un passamano in molti tratti. La sciata è accompagnata dal rumore dell’acqua e dal cinguettio dei primi uccelli. Dove la neve ha fatto posto al prato, si notano i crochi (zafferano selvatico) che armoniosamente dipingono un quadro con il verde dell’erba, il bianco della neve ed il viola dei suoi petali. Per arrivare alla FONTE DELLA CHIESA (1500 M) ho scelto la variante per Addiaccio della Chiesa, (1550 m), una bellissima prateria dominata dal Ravone della Vespa. L’escursione si svolge per la maggior parte nel bosco, ben curato, ogni tanto un terrazzo per riposarsi, uno sguardo al panorama. Scendere al rifugio FONTE DELLA CHIESA (1500 m) è stato divertente per la ottima qualità della neve, con pennellate e traversi. Per tornare sulla strada, (1450 m), la discesa ripida nel bosco, è stata abbastanza difficoltosa per i tanti rami che hanno coperto la neve. Si prosegue e in un chilometro si raggiungere l’attacco alla RAVA DEL FERRO (1500 m). Una enorme valanga alta diversi metri ha cambiato la fisionomia del piazzale. Ora bisogna tornare indietro, chiudendo l’anello. Gli sci ti trasportano a valle con poca fatica.

 La neve che si scioglie alimenta il Fiume Orta che nasce poco più a monte, al Passo San Leonardo e dopo aver percorso una bellissima valle, si getta al fiume Pescara che sfocia nel mare Adriatico. L’acqua è cristallina, pulita, ma lungo il percorso accadrà qualcosa, per questo fatto alla foce quest’acqua arriva inquinata… Colpa dell’uomo? 

 

DIFFICOLTA’                     EAI (escursionistico in ambiente innevato)                                                 

DISLIVELLO TOTALE        500 m                                                                                    

DISTANZA                        13 km                                                                                                       

TEMPO DI PERCORRENZA 4 ore senza soste

Luciano Pellegrini

Precedente Sulmona: da oppidum italico al Bimillenario ovidiano. Successivo La storia del convento di Sant'Irene a Catignano (Pe)