Madrigale: “Chieti eccellenza regionale per la lotta al Coronavirus”

(DAM) –

Il Direttore Generale della Asl di Lanciano – Vasto – Chieti Thomas Schael ha messo a punto con Francesco Cipollone, Direttore del Dipartimento di Medicina, un progetto, coordinato dallo stesso Cipollone, di pronta assistenza domiciliare dei pazienti affetti da sintomi anche lievi da Coronavirus.

Al fine di un pronto intervento, ciascun assistito sarà dotato di un saturimetro, dispositivo che misura il livello di ossigenazione del sangue per individuare tempestivamente la eventuale desaturazione.

In caso di segni di sofferenza respiratoria, su segnalazione del medico di medicina generale, per valutare le condizioni del paziente, arriva a domicilio  una squadra formata da un medico e da un infermiere.

L’innovativo progetto di pronto intervento prevede l’avvio immediato a domicilio del trattamento farmacologico finora praticato solo in ospedale, dato dalla combinazione tra idrossiclorochina, terapia antiretrovirale e azitromicina. 

A tal proposito, il sottoscritto Dott. Manlio Madrigale, portavoce di Chieti  dell’ Associazione “Diritti in Movimento” (promossa a livello nazionale dal Prof.Avv. Paolo Cendon, “padre morale” dell’Amministrazione di Sostegno e inventore del cosiddetto “Danno Esistenziale”),  nonché portavoce regionale dell’Associazione “Inclusivamente” che promuove la diffusione del “Metodo Feuerstein”, esprime sostegno alla lungimirante e concreta proposta “targata” Schael – Cipollone che rende Chieti una eccellenza nazionale per la lotta al Coronavirus e propone di coinvolgere il mondo del terzo settore e della protezione civile per la migliore riuscita della iniziativa. 

Inoltre, in questo momento di grave sofferenza quotidiana per tutti noi, non solo fisica, ma, soprattutto, psichica, si potrebbe valutare anche il supporto, accanto agli operatori di aiuto (psichiatri, psicologi, pedagogisti, assistenti sociali e sanitari e di tutto il restante personale) degli applicatori del Metodo Feuerstein per contenere l’ansia e le difficoltà che ognuno di noi sta provando. 

Infine, vorrei ricordare le parole di Papa Francesco” Siamo tutti fragili e disorientati, siamo tutti sulla stella barca”. 

Manlio Madrigale

Precedente Panoramica sul Coronavirus in Abruzzo Successivo Venerdì Santo 2020, il Miserere di Selecchy risuona dai balconi di Chieti