L’Aquila: la “Dompé” produrrà il “Collirio Montalcini” anti cecità

 

(DAM) L’Aquila – Nello stabilimento aquilano “Dompé” sarà prodotto il farmaco per la cura della cheratite neurotrofica, patologia oculare rara quanto invalidante, che può portare nei casi più acuti, alla perdita progressiva della vista.

L’Oxervate, Cenergim gocce oculari, è più noto come il “collirio Montalcini”, poiché derivato dalle molecole che nell’anno 1986 portarono la scienziata italiana ad essere insignita del Premio Nobel per la Medicina.

Il collirio, che dopo il via libera in sede europea, aveva riscontrato già nel maggio 2017 il parere positivo da parte del Comitato per i farmaci ad uso umano dell’Agenzia regolatoria comunitaria, ha visto nella giornata di mercoledì scorso la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che ne segna la definitiva autorizzazione alla commercializzazione.

Un vanto tutto abruzzese sarà rappresentato dal luogo di produzione del principio attivo del medicinale anti cecità, il quale verrà sintetizzato dalla società guidata da Sergio Dompé, a Pile, quartiere del capoluogo abruzzese.

Lo stabilimento della Dompé nel quartiere Pile di L’Aquila dove verrà prodotto il collirio (fonte foto Dompè.com)

Stefano Muzi – Discovery Abruzzo Magazine

Precedente Chieti: i cibi migliori per i nostri amici cani e gatti secondo Giorgio Santacroce di "Acquari" Successivo "Eppure, Restare”: il romanzo di Irma Alleva alla Libreria De Luca di Chieti