L’Aquila: boom di visitatori in un mese dalla riapertura della Basilica di Collemaggio

(DAM) L’Aquila – A distanza di un mese dalla riapertura della Basilica di Collemaggio, la più importante chiesa aquilana, severamente danneggiata dalla scossa sismica dell’Aprile 2009, si è registrato un vero e proprio boom di presenze da parte di residenti e turisti, accorsi numerosi per accedere nuovamente a quello che è diventato l’emblema della ricostruzione post sisma nel capoluogo abruzzese.

Poco prima del Santo Natale, infatti, dopo il restauro sovvenzionato dall’Eni, azienda internazionale leader nell’ambito del settore petrolifero, con la progettazione dei lavori eseguita dalla Sovrintendenza Archeologica e delle Belle Arti, vi è stata l’attesissima ed agognata inaugurazione della Basilica ristrutturata.

Anche le spoglie di Papa Celestino V, citato anche dal sommo poeta Dante nella Divina Commedia, per il “Gran rifiuto” che fece rinunciando in seguito al pontificato papale, sono tornate in basilica, di cui egli stesso aveva voluto fermamente la costruzione.

La Chiesa rimarrà aperta tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 12.30 del mattino e dalle ore 15.30 alle ore 18 del pomeriggio.

Per la prossima primavera sono previsti anche lavori di abbellimento e riqualificazione dell’afferente area verde, molto frequentata dagli aquilani, che prende il nome di “Parco del Sole”.

Basilica di Collemaggio come appare ora dopo il restauro

Stefano Muzi, Discovery Abruzzo Magazine

Precedente A Pescara parte "Sacred Body", primo laboratorio di Teologia del Corpo di Giovanni Paolo II Successivo Lettomanoppello (Pe): convegno sulla ludopatia, sabato 20 gennaio 2018 (h. 17.00) nella Sala “Wojtila”.