Il Cosciotto di Agnello dell’Alto Sangro alla “Castellana”

 

Cosciotto dell’Alto Sangro alla “Castellana”

(DAM) Castel di Sangro (Aq) – Nell’epoca della Globalizzazione anche la cucina tradizionale ha subito degli adattamenti al corso dei tempi e alle esigenze delle varie epoche storie. Ci sono piatti che nati in un particolare periodo o contesto storico – sociale, si sono poi evoluti.

A tal proposito, oggi proporremo un piatto, buono non solo per sapori ed odori, ma bello da vedere pure ai colori, preparato da oltre 30 anni dal cuoco Albino Coletta della “Locanda del Buongustaio”, nato dalla fusione di ingredienti tipici di montagna con altri della cucina spezziata del mondo mediorientale, diventato oggi un piatto tipico di Castel di Sangro: il Cosciotto di Agnello dell’Alto Sangro alla “Castellana”.

Di questa ricetta, ha scritto per la prima volta il “Corriere Vinicolo” l’11 novembre 1985 con un articolo di Raffaello Biondi.

La Redazione di Discovery Abruzzo Magazine

Precedente L’ importanza dell’alimentazione come prevenzione : mangiare sano ed equilibrato per vivere in salute. Successivo La "Locanda del Buongustaio", la "Mecca" della "gourmandise" di Castel di Sangro