Intervista ad Italo Gentile, esperto tartufaio, sportivo e amante della natura

Italo Gentile

(DAM) Francavilla al Mare – Come abbiamo visto, gli Appennini abruzzesi sono ricchi di una speciale tipologia di funghi, appartenente alla categoria delle tuberacee, i tartufi che vengono ricercati da esperti tartufai nella loro stagione ideale. 

A tal proposito, abbiamo intervistato Italo Gentile, il Teatino gestore del ristorante “Il Cerchio e la Botte” con la moglie Micaela Desiderio, sportivo e amante della natura, esperto nella raccolta dei tartufi e nella preparazione di piatti a base di questa pregiata prelibatezza.

Chi è Italo Gentile?

Sono da sempre un amante della natura e soprattutto della montagna. Sono nato a Chieti nel 1978 ma il sangue della mia famiglia e di un paese di montagna di nome Palena nelle vicinanze di Roccaraso. Da sempre ho vissuto la montagna e le sue bellezze, l’ho apprezzata e rispettata. Nello stesso tempo sono amante degli animali soprattutto dei cani con cui condivido questa mia passione di cercatore di tartufo! Da sempre appassionato della ristorazione e della cucina, sono riuscito dopo tanti sacrifici a gestire questa attività chiamata “Il Cerchio e la Botte”, in Contrada Santa Cecilia di Francavilla al Mare. Spero di riuscire nel tempo a fare apprezzare la nostra cucina e questo fungo fantastico chiamato tartufo!”

Quali tipi di tartufi offre sulla sua tavola?

Intanto, ci tengo a precisare che sono un tartufaio e, quindi, vado personalmente a cercare i tartufi. Per quanto riguarda la tipologia di tartufi che vengono proposti ai nostri ospiti, partiamo dal presupposto che ognuno di loro ha una propria stagione e tempo di maturazione. Nel nostro ristorante vengono proposti quattro tipi di tartufi: quello nero estivo “tuber aestivum” (la cui stagione va da maggio a metà agosto); la variante nera uncinata “tuber uncinatum” del periodo ottobre – dicembre che viene trovato nelle zone di alta montagna; poi abbiamo il tartufo bianco pregiato che si raccoglie sempre in autunno, il più costoso, gustoso e ricercato ” tuber magnatum pico”; e per finire il tartufo nero pregiato “tuber melanosporum” anche esso tra i più pregiati”.

Quali piatti a base di tartufo prepara?

I piatti che noi proponiamo nel nostro ristorante sono sicuramente piatti tipici della cucina abruzzese con predominanza tartufo ad esempio: polentina al tartufo nero , crostino con lardo di colonnata miele e tartufo bianco, tomino al tartufo nero e tanto altro. Per quanto riguarda i primi uno dei più gettonati oltre ai ravioli o cordoni all’amatriciana abbiamo gli gnocchi di patate con tartufo nero pregiato e cestello di formaggio!”

Gnocchi di patate con tartufo nero pregiato e cestello di formaggio (Foto “Il Cerchio e la Botte”)

Copyright Abruzzo Tourism

Precedente A Gabriele D'Annunzio si deve la nascita del "Tramezzino" Successivo Penne, il 3 marzo inaugurazione sportello antiviolenza: stalking, mobbing e bullismo

Un commento su “Intervista ad Italo Gentile, esperto tartufaio, sportivo e amante della natura

  1. Enzo D´Amore il said:

    Grande ristorante il cerchio e la botte ed il titolare Italo gentile e il n1

I commenti sono chiusi.