Intervista a Claudio De Sanctis presidente del Deltamania Club di Elice

(DAM) Elice (Pe) – Per la rubrica “Auto & Moto” in Abruzzo, abbiamo intervistato Claudio De Sanctis, presidente del Deltamania Club di Elice che abbiamo conosciuto all’evento di donne e motori “Venere d’Italia in Delta”, tappa del concorso nazionale di fashion, organizzato nella nostra regione da Francesco Catenacci e da Marjorie Maranca con la collaborazione tecnica di Ignazio Calò., svoltosi fra Francavilla al Mare e Crecchio. L’organizzazione di auto – raduni ( come moto – raduni) di macchine e moto che hanno segnato la storia dell’automobilismo, è non solo una passione, ma anche un modo per potenziare e usufruire dei percorsi enogastronomici culturali del turismo esperenziale di cui il nostro Abruzzo è ricco.

Ci parli brevemente della storia del vostro club? “L’associazione denominata Deltamania club nasce il 27 gennaio 2013 per volontà di un gruppo di amici proprietari di Delte. Solitamente, ci si riuniva in officina oppure in un bar e l’argomento principale di discussione era sempre rivolto verso la Delta con ognuno a rivelare le proprie esperienze e desideri. A fronte di queste chiacchierate venne l’idea di costituire un club dedicato proprio alla mitica vettura, grazie ai soci fondatori, Alfonso, Massimiliano, Luciano, Gianni, Pierpaolo e Antonio (ex presidente), l’associazione prese vita. Lo scopo del club ha come volontà quella di riunire i possessori ed estimatori di tutte le versioni Lancia Delta ( HF turbo, HF 4wd, HF integrale 8V, HF integrale 16V e HF integrale Evoluzione ). Ovviamente oltre il modello Delta il club accoglie con piacere anche altri modelli o marche differenti, purché siano vetture di particolare interesse storico o collezionistico.
Oltre al suddetto scopo la nostra associazione ha come obiettivo quello di organizzare manifestazioni sportive: (come gare di regolarità e gimcane) e culturali ( visite a musei, chiese e parchi ).
In qualsiasi caso, la finalizzazione del club è quella di preservare l’identità e la tradizione del marchio “Lancia” ,valorizzandone la memoria storica per i grandi successi ottenuti”.

Come nasce la passione per la Lancia Delta? Che caratteristiche ha una Delta che la contraddistingue dalle altre macchine nella storia dell’automobilismo? “Spiegare come nasce la passione per la Delta non è semplice, ero da poco patentato (1983), quindi come tutti i ragazzi della mia età guardavo in giro per scegliere la macchina da guidare, mi saltò all’occhio una Delta HF turbo e ne rimasi affascinato per lo stile grintoso ed inconfondibile, non per altro disegnato dalla maestria di Giorgetto Giugiaro . Purtroppo, come capita a tutti i ragazzi /studenti non vi erano le disponibilità economiche e così rimase un sogno irrealizzabile. Il tempo passa, i modelli cambiano sempre in meglio, più belli e vincenti; infatti scoprii solo dopo che la Delta era diventata la regina dei rally grazie alle sue vittorie incontrastate di sei campionati mondiali di seguito (1987/1992) e per questo ancora oggi è considerata mitica.
Con grande soddisfazione sono riuscito ad essere proprietario di una Delta evoluzione nel 1996, auto che custodisco ancora oggi con grande cura. Quindi, la passione è nata e cresciuta nel tempo appassionandomi alla storia della Delta. Vi dirò di più : io nella vita mi occupo di tutt’altra cosa, in quanto svolgo la professione di insegnante di musica, però posso dire che sentire il rombo del motore di una Lancia Delta è come sentire una sinfonia di un’orchestra di almeno 40 elementi ( la perfezione )”.

– Che progetti avete in cantiere per il presente e il futuro? “Con grande compiacimento nel 2016 per volontà dei soci e del direttivo unanime vengo nominato presidente, questo mi ha reso felice e nello stesso tempo carico di responsabilità verso tutti. Tengo a dire che nonostante il periodo poco favorevole, soprattutto al livello economico, riusciamo ad ottenere bellissime soddisfazioni grazie al direttivo che con dedizione e responsabilità si adopera nel programmare e realizzare tutti gli eventi, ma soprattutto mi preme ringraziare tutti i soci che con la loro presenza ci seguono e sostengono in ogni occasione, non c’è dubbio, questa è la nostra forza. Il progetto più importante per il futuro è e rimane uno solo, “valorizzare e preservare” il marchio storico “Lancia “”.

Cristiano Vignali – Direttore Discovery Abruzzo Magazine

Precedente Lettomanoppello: Venerdi 19 luglio il belvedere del Corso intitolato a Falcone e Borsellino Successivo Mediterranea vetrina delle eccellenze enogastronomiche abruzzesi fra tradizione e innovazione