Il Presepe Vivente di Rivisondoli, il più famoso d’Italia

 

Scorcio del borgo di Rivisondoli by night

(DAM) Rivisondoli – Negli Altipiani Maggiori d’Abruzzo, e più precisamente a Rivisondoli, dal 1951, ogni 5 gennaio, rivive il pittoresco “Presepe Vivente”, probabilmente il più antico e sicuramente il più famoso d’Italia.

L’arrivo dei Re Magi al Presepe di Rivisondoli

Un importante evento che si svolge all’imbrunire in località Piè Lucente, in una cornice montana da fiaba fra le vette innevate del Parco Nazionale della Maiella che riveste un rilievo non solo religioso, ma anche culturale e sociale.

Secondo tradizione, il bambinello Gesù è l’ultimo nato del Paese, San Giuseppe è spesso un cittadino di Rivisondoli, mentre la madonna viene selezionata accuratamente. Molte volte, la sacra famiglia è stata impersonificata dai genitori dell’ultimo nato del paese, ma non mancano annate in cui si è voluto dare un particolare significato simbolico all’evento. Ad esempio, nel 2018, per solidarietà con le popolazioni umbre colpite dal terremoto, hanno impersonificato la Madonnina e San Giuseppe, una diciottenne di Todi e un un ragazzo ventenne di Assisi.

La sacra famiglia del Presepe di Rivisondoli

I personaggi della capanna vengono presentati all’Immacolata Concezione (8 dicembre) presso la Chiesa di San Nicola.

La scena del presepe di Rivisondoli, si trasforma in una carrellata di emozionanti immagine e azioni sceniche, dove lo spettatore stesso si immedesima a tal punto da diventare lui stesso un personaggio del Presepe Vivente, in uno scenario di neve, illuminato solo dalla fioca luce delle fiaccole e animato dalla musica a tema, fra i Re Magi, i pastori che calano dai monti vicini, le donne che arrivano dalle case del borgo arroccato alle pendici del Monte Calvario, per adorare il bambinello.

Per maggiori informazioni: http://www.presepeviventerivisondoli.it/

La Redazione di Discovery Abruzzo Magazine

Precedente Il concetto di arte enogastronomica di Giuseppe Ferrara del Bistrot "Rizziero" di Rivisondoli Successivo Intervista a Stefania Monaco del ristorante "La Portella" di Rivisondoli