Il maestro Eugenio Di Francesco, ci parla delle piste da sci di Passolanciano – Maielletta

Eugenio Di Francesco scia in estate sulla Maiella nel 1978 , sfoggiando il suo fisico atletico.

(DAM) Passolanciano – Maielletta – Abbiamo intervistato il maestro di sci Eugenio Di Francesco che svolge questa professione dal 1977 e che ha “Teté Sport”, un negozio di articoli sportivi, attrezzi per la neve e nolo sci a Passolaciano e a Chieti. Al noto maestro, abbiamo chiesto delle informazioni sulle piste da sci del comprensorio.

Ci parli brevemente delle piste da sci del comprensorio Passolanciano – Maielletta… “A Passolanciano abbiamo tre piste importanti, il “Pistone”, la 3 e la “Panoramica”. Quest’ ultima – ha spiegato Eugenio Di Francesco –  è una pista pressoché accessibile a tutti, mentre le prime due hanno una difficoltà maggiore e sono le più ripide, contornate da boschi di faggi ( con pendenza max 40%). A Mammarosa, invece, dove la montagha ha la forma di un “panettone”, le piste hanno una difficoltà inferiore per la loro ampiezza. Qui – ha continuato il maestro di sci –  ci sono la 6 e la “Maielletta 4”. Quest’ultima, una pista straordinaria, la regina delle piste del comprensorio, dove attualmente si stanno allenando i futuri maestri di sci. Anche a Mammarosa c’è una panoramica che va verso il Rifugio Pomilio. In totale sono circa 10 km di pista.

Eugenio Di Francesco oggi con la divisa da maestro di sci

Quali sono i punti di forza e gli svantaggi del comprensorio?

I punti di forza sono l’innevamento naturale abbondantisimo da novembre a maggio e la vicinanza a grandi centri urbani come Chieti e Pescara. Ma, ci sono anche degli svantaggi che derivano dalla vicinanza stessa ai grandi centri abitati, come la conseguente scarsità di servizi. Inoltre – ci ha detto Eugenio Di Francesco – c’è il problema della mancanza di uno skypass unico”.

Come si potrebbe migliorare il servizio secondo lei?

La priorità è l’accordo fra i diversi gestori per lo skypass unico. Si potrebbe migliorare il servizio anche con un impianto di innevamento artificiale. A Mammarosa è stato recentemente sperimentato il sistema di utilizzare la neve naturale sui lati della strada per portarla sulle piste, quando manca, ha concluso il maestro di sci Eugenio Di Francesco. 

La Redazione di Discovery Abruzzo Magazine

Precedente Giancarlo Ferrara ci parla di "Mammarosa" Successivo Conosciamo l'operatore olistico Matteo Di Nicola che ha uno studio a San Giovanni Teatino (Ch)