Gran Sasso: feste e Tradizioni di Castel del Monte (Aq)

Castel del Monte
Castel del Monte

(DAM) Gran Sasso – Castel del Monte (Aq) è uno dei borghi più belli d’Italia, con fortificazioni di origine medievali, nel Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga. Il paese sorge a sud di Campo Imperatore, a un’altitudine di 1345 mt slm, nel cuore dell’Appennino, alle pendici del Gran Sasso con vista panoramica sulla Valle del Tirino.

Esso appartiene alla Comunità Montana di Campo Impreatore – Piana di Navelli, terra di agricoltori e di pastori che conserva ancor oggi, nell’architettura del borgo, i tratti caratteristici dell’antico splendore. La millenaria opera dell’uomo ha arricchito questo contesto ambientale caratterizzato da antichi paesaggi agrari e pastorali.

La paura degli assalti esterni, il bisogno di sicurezza, la ricerca di protezione, sono i sentimenti primordiali che hanno dato origine a Castel del Monte.

Costruito per essere un solido rifugio, con un impianto urbano compatto, il paese non ha una vera e propria cinta muraria. È la disposizione stessa dell’edificato a dare sicurezza, Si tratta delle case –  mura, edifici abitativi con funzione difensiva.

Un capolavoro di architettura e di alta ingegneria sono, di fatto, gli sporti che coprono le vie e sui quali si sviluppano le abitazioni. Vere e proprie gallerie che caratterizzano il borgo e sembrano custodire l’anima più segreta del paese.

Il borgo medievale di Castel del Monte offre uno splendido scenario artistico e paesaggistico che regala sensazioni davvero uniche che trasportano il visitatore in un’atmosfera che sa di antiche credenze e tradizioni.

Lo spirito del borgo, sospeso a metà tra la realtà e l’immaginazione, immutato nel tempo, si accende ogni anno, il 17 Agosto, quando si rinnova l’antico “rito de re sette sporte”, ossia la Notte delle Streghe.
E’ di scena la magia per le strade del paese, con uno spettacolo teatrale itinerante che si svolge lungo le vie del centro storico e che riporta lo spettatore indietro nel tempo tra tradizioni secolari della cultura popolare.
Il Mercatino delle Streghe, le degustazioni dei prodotti tipici locali, gli spettacoli di intrattenimento, accompagnano migliaia di visitatori fino a notte inoltrata, quando la magia viene rievocata con un viaggio nell’immaginario denso di testimonianze della tradizione e di accadimenti miracolosi.
Il 5 agosto di ogni anno è un giorno di grande festa che celebra l’importanza della transumanza dei pastori per l’economia locale con la giornata dedicata alla Rassegna degli Ovini.
Le ricorrenze più importanti, come la Festa del Patrono S. Donato (6 e 7 agosto) e la processione della Madonna dei Pastori (8 settembre), sono seguite con devozione dai fedeli che rispettano i riti delle antiche usanze.

La passeggiata nel borgo offre al visitatore scorci davvero suggestivi, intrisi di antiche credenze e tradizioni secolari, che sembrano custodire l’anima di tempi non troppo lontani e che regalano un atmosfera suggestiva da vivere e visitare.

Federica Rossetti

Copyright Abruzzo Tourism

 

Precedente Intervista a Leone Cantarini, Presidente del Parco Marino del Cerrano Successivo La modella Ambar Wilson da S.Domingo a Teramo con furore