A Gabriele D’Annunzio si deve la nascita del “Tramezzino”

Aperitivo a base di tramezzini (wikipedia)

(DAM) Torino – Al Vate, al poeta soldato, l’Abruzzese Gabriele D’Annunzio, si deve il nome del tramezzino, il panino triangolare, di origine torinese, servito freddo, ma a volte anche caldo, negli aperitivi o nei pasti veloci, fatto da due fette di pancarrè a cui viene tolta la crosta, farcito con formaggio, salumi, e tanto altro.

A tal proposito, si racconta che un giorno d’estate del 1926, il celebre Gabriele D’Annunzio, si sedette a prendere un aperitivo nel Caffé Mulassano di Piazza Castello a Torino che servì per primo questa versione italiana del suo cugino inglese con l’aperitivo, e chiamò questo panino “tramezzino”, perché gli ricordava i tramezzi delle case.

Caffé Mulassano di Torino (caffemulassano.com)

Così questa nuova parola, coniata da uno dei più famosi abruzzesi della storia d’Italia, rimase da allora nel nostro vocabolario per sostituire il termine inglese sandwich.

Gabriele D’Annunzio (Wikipedia)

Stefano Muzi

Copyright: Abruzzo Tourism

Precedente San Gabriele dell'Addolorata, patrono d'Abruzzo: la storia Successivo Intervista ad Italo Gentile, esperto tartufaio, sportivo e amante della natura