Chieti: intervista alla “Venere d’Italia Abruzzo 2018” Camilla Ricciuti

La Teatina Camilla Ricciuti incoronata “Venere d’Italia Abruzzo 2018” da Marjorie Maranca

(DAM) Chieti – Per la rubrica “Abruzzo Moda & Fashion” abbiamo intervistato presso il Grande Albergo Abruzzo di Chieti la vincitrice abruzzese del Concorso di Bellezza Nazionale “Venere d’Italia”, edizione 2018, la teatina di 18 anni Camilla Ricciuti,a cui abbiamo posto alcune domande per conoscerla meglio.

Camilla, parlaci un po’ di te… “Sono una ragazza di Chieti diciottenne , frequento il liceo artistico in città. Ho diversi hobby tra cui leggere romanzi di storie horror e disegnare delle caricature, degli ambienti e dei paesaggi. Ho anche la passione della moda ovviamente, visto che faccio questa specializzazione a scuola”.

Come ti sei avvicinata al mondo delle sfilate e in particolare al concorso di “Venere d’Italia”?  Sono stata introdotta dalla mia amica Giulia (che ringrazio) nel concorso di moda “Venere d’ Italia”, iniziando quasi per gioco  e poi alla fine, ridendo e scherzando, ho vinto (Camilla sorride ndr)”.

Qual è il tuo look preferito? “Un casual molto semplice, anche solo jeans e tshirt, perché penso che la bellezza che colpisca di più, sia quella intensa e naturale”.

Qual è il tuo piatto preferito?  “Sicuramente la pizza, in particolar modo quella capricciosa, poiché non amo le cose banali e monotone”.

Cosa ti colpisce di più in una persona? “La simpatia e la socievolezza”.

Cosa ti piace di più in un ragazzo?  “La serietà, la simpatia, gli occhi e il sorriso”.

Ti piace viaggiare? Qual è la tua meta preferita? “New York, perché mi piace questa idea della grande metropoli moderna, aperta a ogni genere di cultura e dotata di ogni servizio”.

Cosa ti senti di dire a chi determina le sorti del modo?  “Un occhio per i più sfortunati e bisognosi di certo non guasterebbe” (Camilla si fa tutta d’un tratto seria per un attimo per poi sorridere di nuovo ndr).

La “Dea” Camilla Ricciuti al mare
La “Dea” Camilla Ricciuti al Mare
Precedente Chieti prenda esempio dal Mastrogiurato di Lanciano per riscoprire la sua identità storica e portare migliaia di presenze d'estate in città Successivo Teramo: Psiké per la cura e la conoscenza di se stessi

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.