Che cos’è l’etiopatia animale? Ce lo spiega il Dott. Eddy Deforest

Eddy Deforest

(DAM) Pescara – La nascita del termine Etiopatia* è da attribuire ad una attenta ed interiorizzata riflessione del Dott. Eddy Deforest, direttore dell’omonima Accademia.

Questo termine racchiude in sé il significato che l’azione agisce direttamente sulla causa, sulla genesi e quindi sull’eziologia di un disturbo che si manifesta con una alterazione ortostatica dell’apparato osteo-mio-articolare che affligge il paziente in necessità di trattamento.

Il termine Etiopatia Animale identifica più specificamente l’intervento che viene rivolto ai pazienti appartenenti al Mondo Animale.

Oggi i Medici Veterinari affidano con maggiore fiducia i propri “pazienti” all’intervento dell’Etiopata e guardano con interesse il successo dei trattamenti ottenuti con tecniche non invasive, incruente in assenza di farmaci.

L’Accademia Deforest dal 1985, da sempre attenta e sensibile alla cura degli animali che possono beneficiare come gli esseri umani di cure somministrate con tecniche “dolci”, dedica particolare attenzione alla formazione di Operatori Specializzati in Etiopatia Animale.

* Dal greco “atia”,causa e “pathos”,sofferenza.

1. ETIOPATIA ANIMALE: FONDAMENTI E PRINCIPI

L’Etiopatia Animale si ispira ad alcuni concetti attuali quali:

• La Globalità;

• L’Interdipendenza tra Equilibrio e Armonia

• La Mobilità

• L’Entropia

I principi fondamentali su cui è basata l’Etiopatia Animale sono:

• Il collegamento tra Struttura e Funzione.

• Il corpo come unità funzionale.

• La capacità di auto-guarigione.

• La priorità della regola del sistema neuro vascolare.

• Il paziente non è da identificare con la sua malattia.

2. LA FINALITA’ DELL’ETIOPATIA ANIMALE.

In Etiopatia, l’approccio animale è un metodo che:

• Incorpora il concetto meccanicistico come metodo razionale analitico usando il pensiero lineare per definire sequenze fisiologiche e fisiopatologiche. Pertanto, essa cerca di trovare una causalità oggettiva di disfunzione somatica dalle espressioni funzionali osservate.

• Studia i meccanismi informativi e regolatori dell’essere vivente, utilizzando la Sistemica Sistematica che consente di determinare le relazioni tra il sistema vivente, i sottosistemi e il suo ambiente. La Sistemica consente un approccio olistico/globale.

• Integra la teleonomia [dal fr. téléonomie, comp. di téléo(logie) «teleologia» e -nomie «-nomia», termine introdotto dal biologo fr. J. Monod nel 1970

L’organizzazione finalistica delle strutture degli organismi viventi. ]. per la comprensione dell’adattamento neghentropico. (corrisponde ad una diminuzione di entropia, o se si preferisce ad un aumento di entropia negativa, cioè neghentropia. I viventi sono sistemi neghentropici, dal momento che mantengono un grado di ordine elevato, questo grado di ordine elevato è mantenuto tale a spese dell’ambiente in cui si trovano a vivere

Caos, Disordine,abbasamento della qualità ordinaria di vita,quanto viene negato alla globalizzazione e NEGHENTROPIA)

• Dedicato in special modo agli animali domestici, integra il vincolo antropico nella sua diagnosi.

A tal fine, l’Etiopatia utilizza nella sua riflessione il metodo eziopatogenetico e induttivo dell’approccio sistemico.

Da seguire……

Per maggiori informazioni: 

www.etiopatia.it

 

Dr Eddy Deforest, direttore Accademia Deforest, Pescara

Osteopata D.O., fondatore del Registro Italiano di Osteopatia

Etiopata D.E., Esperto in etiopatia animale

Precedente Pescara: l'UDICON mette a disposizione gratuita l'ufficio legale per genitori dei bambini e insegnanti colpiti dalle infezioni che hanno portato alla chiusura delle mense scolastiche comunali Successivo Roccascalegna: sabato sera dedicato alla poesia con l'evento "Dai Voce al Tuo Tempo"