Cepagatti: l’arte casearia raccontata da Federica Lazzarini

Federica Lazzarini

Chi è Federica Lazzarini?

“Io sono figlia di un pastore abruzzese e lavoro nell’azienda agricola di famiglia”.

Che genere di attività gestite in famiglia?

“Io e la mia famiglia siamo allevatori di 1600 capi ovini, che pascolano completamente all’aperto, praticando ancora l’arte antica della Transumanza. Ci occupiamo principalmente della produzione di latte, che trasformiamo in formaggio, e delle carni (agnello e arrosticini ). Completando la filiera, ci dedichiamo anche alla commercializzazione di quest’ultimi. Abbiamo un caseificio che si chiama Il Tratturo”.

Che vuol dire avere una azienda agricola oggi?

Gestire un’azienda agricola oggi, richiede, oltre al duro lavoro, anche un impegno costante nell’innovazione delle tecniche di produzione e di vendita. Chi vuole avere un azienda agricola oggi deve avere spirito di adattamento e nuove idee sempre a portata di mano”.

Che prodotti producete, lavorate e commercializzate? 

“Come già detto, produciamo latte ovino e carni di prima qualità. Realizziamo vari tipi di pecorini, dai più freschi ai più stagionati, e prodotti innovativi come il fior di latte filato di solo latte ovino; il caciofilato ( caciocavallo di pecora); e il blu del tratturo ( erborinato di pecora ). Con le nostre carni realizziamo arrosticini nostrani e agnello abruzzese”.

Quali sono le esigenze nel settore oggi?

“Il nostro settore sta attraversando un periodo di sofferenza, benché negli ultimi tempi molti giovani come me ci stiano investendo, creandosi una propria azienda o conducendo quella ereditata dai genitori. Purtroppo a livello gestionale non siamo in alcun modo agevolati e spesso incappiamo in vere e proprie odissee burocratiche. Le nostre esigenze e richieste sono quindi da portare all’attenzione delle istituzioni, le quali dovrebbero tutelare e agevolare chi pratica questi antichi mestieri, che sono testimonianza di cultura e tradizione di un intera regione .

Avete qualche attività o progetto in programma?

“Per il momento, le uniche attività previste sono le sagre alle quali partecipiamo nel periodo estivo. Facciamo il così detto “STREET FOOD” , ovvero prepariamo i nostri prodotti a km0, cucinando cene a base di arrosticini e pecorino. Infine, un progetto futuro prevede l’apertura di un nuovo punto vendita”.

La Redazione di Discovery Abruzzo Magazine

Precedente Chieti Scalo: "in Abruzzo, nel 2018, 1.000 imprese potranno accedere a linee di credito senza costi e senza interessi" Successivo La leggenda di San Giorgio che sconfigge il drago