Torrevecchia Teatina: intervista a Nicola Talanga e Gioia Sprecacenere imprenditori del settore ricettizio

Nicola Talanga e Gioia Sprecacenere del B&B Gioia in Collina di Torrevecchia Teatina

(DAM) Torrevecchia Teatina – Intervista a Nicola Talanga e Gioia Sprecacenere imprenditori del settore ricettizio di Torrevecchia Teatina.

Per la rubrica “Abruzzo Tourism: bed, food and drink”, abbiamo intervistato gli imprenditori del settore ricettizio, titolari del B&B “Gioia in Collina” che si trova immerso fra le colline teatine che si affacciano sulla valle dell’Alento, a cui abbiamo posto delle domande sulla loro attività.

Chi sono Nicola Talanga e Gioia Sprecacenere? Che caratteristica ha la vostra struttura ricettiva?

Siamo una coppia di coniugi che hanno deciso di spostarsi dalla città alla campagna, realizzando un cottage con due dependance per gli ospiti. Abbiamo l’hobby della musica e dell’animazione per cui siamo particolarmente dediti all’accoglienza delle persone con gentilezza e garbo. Le due dependance con tutti i comfrot sono divenute due camere matrimoniali con possibilità del terzo letto, bagno privato con doccia, TV, Aria condizionata, Frigo, WiFi, parcheggio interno. Gioia ama fare i dolci e curare la pulizia di cui si occupa personalmente. Nicola e Gioia amano la natura ed il luogo in cui hanno realizzato il cottage adibito a B&B è immerso tra la pace degli ulivi, dei vigneti e frutteti”.

Cosa si sente di dire ai nostri amministratori per quanto concerne il settore turistico – ricettivo abruzzese?

Il nostro settore turistico abruzzese – ha commentato Nicola Talanga – ha avuto in passato un grosso disinteresse a sviluppare una politica di rilancio del turismo regionale, ma dobbiamo dire che in questi ultimissimi anni molte sono le iniziative che sono state portate avanti a favore delle piccole e medie imprese che hanno deciso di sfruttare le bellezze della propria terra per rilanciare l’economia. Certo molto c’è ancora da fare, come ad esempio agevolare l’unione delle piccole organizzazioni affinché un turista che viene da queste parti non debba trovarsi a trattare con tanti enti distanti tra loro. Faccio un esempio: siamo stati a Madonna di Campiglio e lì l’ufficio preposto per le informazioni turistiche ci ha fornito a pagamento una tessera con la quale si avevano una serie di agevolazioni e di pass per prendere tutti gli impianti di risalita, gli autobus, pista di pattinaggio, convenzioni con negozi. Ebbene questa potrebbe essere un’idea per agevolare ad esempio l’organizzazione dei nostri impianti sciistici invernali e le nostre spiagge del litorale, gli ingressi ai castelli, ai musei, i percorsi di Trekking o le ciaspolate d’inverno e tanto altro. Poi una cosa che spesso sentiamo reclamare dai nostri clienti è la cattiva indicazione delle segnaletiche stradali che dovrebbero meglio indicare i luoghi da visitare ed oltretutto spesso soprattutto motociclisti e ciclisti reclamano innumerevoli buche che pervadono non solo le strade di montagna ma anche quelle paesane e cittadine. L’inquinamento di molti tratti di mare, poi, hanno pubblicizzato negativamente in questi ultimi anni la nostra regione per via di tanti casi di persone infette subito dopo un bagno le quali sono dovute correre in ospedale per le cure del caso. Quest’inverno poi ci mancava solo la punta dell’iceberg con la storia dell’Hotel Rigopiano che ha ulteriormente impaurito il potenziale turista che ha scoperto, attraverso questa vicenda, tutte le pecche a livello della manutenzione delle linee elettriche, la scarsa organizzazione sugli interventi per la pulizia delle strade che, uniti alla paura per il terremoto a cui poco si può fare, avuto ed avranno nei prossimi mesi, forti ripercussioni su tutte le attività ricettive abruzzesi. Va dato atto delle agevolazioni date agli operatori del settore fornite sul portale abruzzese che, oltre a tante informazioni utili c’è quella del SITRA che offre una grossa mano per le registrazioni dei clienti e contemporaneamente la loro segnalazione agli organi di tutela della sicurezza rappresentata dalla Polizia di Stato. Mia moglie ed io vogliamo solo dire che in questo tempo in cui ogni lavoro è sempre più precario, ogni iniziativa privata va assolutamente agevolata, curata, accompagnata, premiata, aiutata a far sì che possa divenire ricchezza non solo per il singolo privato ma per la stessa regione che amiamo e presentiamo un fiore all’occhiello del Centro Italia, che non ha niente da invidiare ad altri territori nazionale ed europei ed anzi, abbiamo delle unicità da proteggere, valorizzare e far conoscere”.

Perché avete puntato su questo luogo?

E un luogo strategico per raggiungere in pochi minuti le principali località turistiche, le città e le maggiori arterie stradali ed autostradali, sito nel Comune di Torrevecchia Teatina sulle prime colline teatine tra Francavilla al mare, Pescara e Chieti. Si trova a soli 4 Km e cinque minuti di auto dal mare; e a soli trenta minuti dal massiccio della Majella, Da qui è facile raggiungere sia la Costa dei Trabocchi, sia i Castelli mediavali dislocati in diversi paesi limitrofi come quello di Crecchio e quello famosissimo di Rocca Calascio. Abbiamo la più alta concentrazione di centri commerciali come il più conosciuto a livello europeo che è IKEA Insomma da noi si può trovare la tranquillità e l’intimità di vivere una vacanza coccolati ed avere tutta la calma per decidere che percorso turistico effettuare in qualsiasi stagione. Abbiamo il turismo gastrenologico che prevede il “percorso dei vini” attraverso le cantine che promuovono dal mitico Montepulciano rosso al bianco Trebbiano e Pecorino che sono fini internazionali.

Noi – hanno concluso i titolari del B&b “Gioia in Collina” – vi aiuteremo nelle scelte giornaliere e vi saremo vicini, se lo vorrete attraverso i social che ormai devono servire non solo per scambiare informazioni tra amici, ma anche per supportare i propri clienti qualora ne avessero il bisogno ed il desiderio”.

Stefano Muzi

Copyright Abruzzo Tourism

Precedente Federica Rapposelli imprenditrice teatina della ricettività in memoria dei suoi nonni Successivo Montesilvano: intervista alla cantante e conduttrice televisiva Simona Tarantelli