Alba Adriatica (Te): i panzerotti secondo “La Pugliarella”

Panzerotti di “La Pugliarella” ad Alba Adriatica (Te)

(DAM) Alba Adriatica (Te) – Il panzerotto è un simbolo della gastronomia del centro – sud Italia, lo si può mangiare da asporto o come pasto al volo sia  in pizzeria che in rosticceria. Anche ad Alba Adriatica, come in ogni altro luogo della costa abruzzese, cerniera del medio adriatico fra il nord e il sud d’Italia, esistono rinomati locali che ne preparano squisite varianti.

Oggi ci occuperemo della ricetta del panzerotto che ci ha gentilmente fornito la gastronomia “La Pugliarella” che ne fa una versione pugliese rigorosamente fritta che vengono preparati anche su prenotazione per cene o feste.

La variante tipica è quella farcita con pomodoro e mozzarella, ma ce ne sono altre come quella classica con prosciutto e mozzarella o la specialità del locale, quella con stracciata e pesto.

A tal proposito, ecco qui di seguito gli ingredienti generali dell’impasto del panzerotto “barese” che offre ai suoi clienti “La Pugliarella” di Alba Adriatica:

Farina 0, Lievito di Birra, Zucchero, Sale, Acqua Tiepida, Olio.

Versare in una planetaria da cucina della farina in una ciotola sbriciolandovi il lievito di birra, aggiungendo un pizzico di zucchero per la lievitazione.

Poi, mettere una parte dell’acqua tiepida e gettarci la farina con altra acqua, sale ed accendere la planetaria a bassa velocità col braccio a gancio.

Mentre gira l’impasto, bisogna versare l’olio per poi aumentare la velocità e far amalgamare il tutto per 10 minuti.

Spenta la planetaria, si prende l’impasto e lo si lavora a mano trasformandolo in una palla liscia da cui staccare dei pezzi di massa con cui creare delle palline che si dovranno mettere a lievitare per circa due ore, mettendole su una tovaglia pulita infarinata a una certa distanza l’uno dall’altro e coprendo il tutto con un’altra tovaglia.

Nel frattempo preparare il ripieno con cui condirli prima di friggerli.

La Redazione di Discovery Abruzzo Magazine.

 

 

Precedente L'Aquila: don Manuel Enrique Cepeda Pino riceve una lettera sulle sofferenze della popolazione venezuelana Successivo Scafa (Pe): vini doc BioVegan alla cantina "Duchi di Castelluccio"