Abruzzo Tourism: ci vuole una legge che tuteli l’autenticità dei borghi d’Abruzzo come per i Parchi Nazionali

Tutti i centri urbani di antica fondazione in Abruzzo,  fino alla nascita del  cemento armato e dell’asfalto (inizi Novecento), sono in materiale da costruzione locale: argilla o terra cruda in collina, pietra arenaria o calcarea in montagna,  legno e paglia di grano in pianura vicino ai fiumi.
Tutto ciò  per meri motivi di convenienza economica e di disponibilità, in epoche storiche in cui i trasporti erano difficili,costosi  e rischiosi.
Oggi, per sopravvivere nell’epoca della Globalizzazione selvaggia, si presenta la necessità della difesa dell’identità storico – culturale, etno – demo – antropologica, oltre che delle biodiversità e dell’ecosistema.
Pertanto, come si fa con le specie animali e vegetali che vengono ripopolate con specie autoctone o compatibili,  si presente la necessità, per conservare la particolarità peculiare dei nostri borghi storici, di riutilizzare gli stessi materiali e modalità costruttive originarie, al fine di riqualificarli ed evitare falsi storici (ad esempio, è doveroso utilizzare il porfido per le pavimentazioni, presente in gran parte dei nostri centri storici).
Ci vorrebbe, a tal proposito, una legge che obbliga, come in campo ambientale floro – faunistico, il riutilizzo del materiale locale con cui sono stati costruiti all’epoca i centri storici e le stesse modalità costruttive e di messa in opera, soprattutto nei borghi.
Esistono in merito due modalità costruttive: una in modo “continuo” ( usata dove c’è il passaggio delle ruote, tramite materiali come il cemento e l’asfalto) l’altro in modalità “discreta” per elementi finiti (utilizzata dove c’è il passo del l’uomo come le mattonelle di pietra, i ciottolati e i mattoni, le basole e i sanpietrini).
Il rispetto di queste due modalità costruttive è fondamentale per salvaguardare l’originalità di un borgo, anche al fine di uno sviluppo del settore turistico.
Comunicato Stampa di Avsd Abruzzo Tourism
Il borgo di Pretoro (Ch) costruito nella roccia
Precedente Bruno Cardelli (Ge.di.Ca.) "subisco almeno 60 mila euro di danni in un anno per i furti ai miei distributori automatici" Successivo "San Martino" a Chieti Scalo presso il Piccolo Chiosco di San Martino